zatopek


Appuntamento al buio
9 luglio 2009, 09:02
Filed under: Eventi

a4

Il 17 luglio a Moretta una serata dedicata all’osservazione del cielo, organizzata da Zatopek per l’Anno Internazionale dell’Astronomia con il Gruppo Astrofili Schiaparelli. Continua a leggere



Sana e robusta Costituzione
27 aprile 2005, 14:01
Filed under: Eventi

Un incontro sulla Costituzione italiana con Giancarlo Caselli, Procuratore generale di Torino, Salvatore Calleri, Presidente della Fondazione Antonino Caponnetto, Elisabetta Baldi Caponnetto, Presidente onorario della Fondazione Antonino Caponnetto. Continua a leggere



Ruanda, le ferite del silenzio
17 dicembre 2004, 15:13
Filed under: Eventi

A dieci anni di distanza da quello che è tristemente passato alla storia come il “genocidio più veloce della storia”, Zatopek porta a Moretta la mostra fotografica “Ruanda, le ferite del silenzio”, che nel corso degli ultimi anni Medici Senza Frontiere ha allestito nelle principali città italiane. Il progetto raccoglie il coraggioso lavoro di riflessione e documentazione di una donna ruandese, Yolande Mukagasana, miracolosamente scampata al massacro. Continua a leggere



La memoria del bene
15 gennaio 2004, 15:05
Filed under: Eventi

Nell’ambito delle iniziative legate all’inaugurazione del Giardino dei Giusti di Moretta, una serata con il giornalista Gabriele Nissim, che ha presentato il suo ultimo libro “Il Tribunale del Bene” (Mondadori 2003). Al termine dell’incontro del 15 gennaio, Gabriele Nissim ci ha “regalato” una lunga riflessione che ricostruisce la genesi del suo lavoro: l’elaborazione della memoria dei genocidi e dei crimini contro l’umanità che hanno attraversato il Novecento come atto di responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo.

Continua a leggere



Capolavori da un continente
28 dicembre 2003, 16:56
Filed under: Rivista, Visioni

Vent’anni fa sembrava che l’arte moderna avesse esaurito le sue energie e stesse morendo per una lenta amnesia. L’ispirazione e la vitalità dell’Impressionismo se n’erano andate: Cézanne era morto da poco e Renoir, un uomo anziano, era l’ultimo di una generazione che sembrava priva di successori. Picasso e Matisse avevano rivelato il loro talento, ma né l’uno né l’altro aveva ancora manifestato compiutamente la propria personalità. Qualche nuovo motivo, qualche concezione di fertile influenza era indispensabile perché sia l’uno che l’altro potessero mettere pienamente a frutto i propri talenti. Sia l’uno che l’altro avevano consapevolezza di energie non impiegate, non organizzate, nell’attesa di qualche innovazione plastica che loro stessi fossero capaci di realizzare e sviluppare. Continua a leggere



Il suono del nuovo cinema Usa
28 dicembre 2003, 16:48
Filed under: Rivista, Visioni

Per quali motivi possono essere accostati due film come American Beauty e Magnolia? Risposta facile: sono entrambe opere di giovani registi americani, che hanno avuto un notevole successo di critica e di pubblico e che offrono uno spaccato della attuale società americana colta attraverso le sue crisi esistenziali e generazionali, attraverso i suoi “mali di vivere”. Risposta esatta.

Continua a leggere



Un Dio dalla parte dei poveri
28 dicembre 2003, 16:00
Filed under: Rivista, Temi

Mentre nella Chiesa Cattolica sono iniziate le commemorazioni del cinquantesimo anniversario di promulgazione dei documenti del Concilio Vaticano II, ritorna di grande attualità il dibattito sulla «Teologia della Liberazione» (TdL) nata in contesto Latino americano e in parte proprio incoraggiata dalla ventata d’apertura teologica coincisa con l’ultimo Concilio Ecumenico . Questa teologia che, oggi come quarant’anni fa, continua a porre dei grandi interrogativi alla Chiesa universale, ha conosciuto una tale diffusione e una tale risonanza in molti paesi e continenti, che non è più possibile una riflessione teologica che possa prescindere da essa. Normalmente, quando si parla di TdL, si pensa immediatamente a dei personaggi come Gustavo Gutiérrez, Jon Sobrino e Leonardo Boff, ma si tratta di un fenomeno ecclesiale e culturale troppo complesso per essere limitato a dei teologi di professione. Continua a leggere